Villa delle Rogge

Stampa
PDF

 

“VILLA DELLA ROGGE”


La struttura è nata per accogliere in maniera temporanea persone con autismo o affette da disturbi similari, prevalentemente giovani e adulti, in programmi che consentano loro di ampliare o sviluppare la propria autonomia nell’ottica di una continuità del processo riabilitativo in un contesto di “normalità” fortemente orientato all’integrazione pur mantenendo una risposta articolata alle esigenze soggettive e di complessità del Disturbo Autistico

 

TIPOLOGIA DELLA STRUTTURA


Villa delle Rogg si presenta come un’ abitazione su quattro piani con un ampio giardino.

E’ collocata in un contesto residenziale del centro urbano facilmente raggiungibile a piedi e con  mezzi pubblici. Altrettanto facilmente gli utenti possono godere dei servizi culturali, sociali, per il tempo libero e lo sport che il territorio offre. Gli spazi della struttura sono in numero sufficiente a garantire le normali necessità della vita quotidiana.


Nello specifico la struttura è dotata di:

-    un piano terra, adibito a zona giorno con ampio ingresso e sala d’attesa, una cucina abitabile con annessa dispensa e una cucina adibita a laboratorio per attività riabilitative in rapporto operatore:utente di 1:1, una sala da pranzo, un ampio soggiorno, una sala relax, un guardaroba e servizi igienici,


-    un primo piano adibito a zona notte con un ampio corridoio di ingresso, 4 camere da letto per gli utenti di cui 2 doppie e 2 singole con attiguo bagno, 1 camera per l’operatore con bagno e con annessa zona di sorveglianza.

-   un secondo piano anch’esso adibito a zona notte con un ampio ingresso, 3 camere da letto singole per gli utenti con bagno annesso, in cui è possibile ospitare una persona in eventuale emergenza, 1 camera per l’operatore con bagno annesso.

-  un piano seminterrato con ampi locali e servizi, 2 spazi adibiti ad attività ludico ricreative, 1 stanza relax, 1 infermeria, 1 lavanderia/stireria con antistante guardaroba, 2 spogliatoi separati per il personale maschile e femminile con bagni annessi, 1 ampio magazzino, 1 magazzino per zona frighi, un magazzino sottoscala, 1 centrale termica, 1 ampio garage. La zona fruibile dagli utenti è separata rispetto ai vani tecnici e al garage da porta antincendio.

-  i piani dell’edificio sono collegati tra loro da una scala interna e da un ascensore a norma di legge. Al piano seminterrato si ha accesso anche attraverso lo scivolo del garage. La struttura segue la normativa vigente in merito all’accessibilità e alla fruibilità per persone portatrici di handicap.
 

TIPOLOGIA DEI SERVIZI OFFERTI.
Il funzionamento della struttura riguarderà servizi sulle 16/18 ore dal lunedì al venerdì e sulle 24 ore il sabato e la domenica.
Sono attualmente previsti i seguenti programmi:

PROGRAMMA VIVI LA CITTA’ – Il programma “Vivi la città” è un’attività della comunità sulle 16-18 ore. Durante i giorni lavorativi, dalle ore 17.00 del pomeriggio alle ore 9.00 del mattino successivo, la struttura ospita, alcuni degli utenti del vicino Centro Lavorativo “Officina dell’arte”, provenienti da diverse parti del territorio, in continuità con l’orario di funzionamento di quest’ultimo (9.00-17.00). Agli utenti in tal modo si propone una giornata “normale” lontana da ogni idea di istituzionalizzazione. Alle 17.00, infatti, terminata la giornata lavorativa, gli utenti intraprendono secondo una programmazione stabilita e individualizzata, attività quali: fare la spesa, passeggiare in centro e consumare qualcosa al bar, comperare qualcosa di personale (giornale, abbigliamento, ecc.), raggiungere la residenza, preparare la cena, sparecchiare, ecc., fare attività sociali o individuali o uscire per partecipare a eventi (cinema, incontri musicali, ecc), provvedere poi all’igiene personale e prepararsi per la notte. Ognuno di questi momenti ha una forte valenza riabilitativa dal momento che la mancanza di iniziativa sociale e comunicativa insieme ai deficit nella programmazione e pianificazione rappresentano i sintomi più rilevanti del Disturbo autistico. Il superamento almeno parziale di tali deficit è dunque alla base di ogni programma volto all’acquisizione di autonomie. Il Programma non è pertanto volto nè all’assistenzialismo, né all’ “albergaggio”.
Rispetto ad un modello di “residenzialità classica” (un letto = un utente), questo nuovo modello di abitare flessibile, basato sulla turnazione degli ospiti e l’integrazione dei Programmi, persegue il raggiungimento di due obiettivi: 1) permettere ad un maggior numero di beneficiari la possibilità di intraprendere un percorso di autonomizzazione che per alcuni di essi potrà condurre ad una vita, se non autonoma, con il minimo possibile di supporto; 2) permettere alle famiglie degli utenti di “reggere” più a lungo l’impegno di cura e quindi di mantenere più a lungo a casa la persona con autismo, allontanando o evitando il momento dell’ istituzionalizzazione.
Il programma potrà ospitare massimo 9 persone contemporaneamente secondo criteri di omogeneità.
 
PROGRAMMI RESPIRO - Durante tutti i weekend dell’anno e durante momenti specifici del periodo estivo la struttura funzionerà sulle 24 ore come sede dei “Programmi respiro”. 

Al fine di ottimizzare gli spazi e i tempi, quando la struttura è vuota, presso la comunità alloggio potranno essere accolti altri utenti per lo svolgimento di programmi socio-riabilitativi condotti in rapporto operatore-utente di 1 a 1 e incentrati sullo sviluppo di autonomie e abilità all’interno dei laboratori cucina-camera-bagno e degli ambulatori annessi alla struttura.
 
Grazie alla ottimizzazione di spazi e tempi quindi la Struttura si presta a servire un numero elevato di beneficiari sia in modo diretto (utenti) sia in modo indiretto (famiglie), attraverso la erogazione integrata di programmi la cui peculiarità è di dare una risposta globale ma flessibile ai diversi momenti della vita e della giornata di una persona con autismo, coprendo di fatto le “24 ore”, ma sostituendo il concetto di “assistenza continuativa” con quello di “abilitazione globale”.